Arezzo|| Ristorante La Pieve

Accanto alla più bella chiesa di Arezzo e a pochi passi da Piazza San Francesco, cuore della movida aretina, La Pieve si presenta come un ristorante dal forte impatto visivo e che questa sera ospita ignaro Forchette Amare. Il locale ha cambiato nome e gestione più volte prima di arrivare a quello che è oggi ed è stato indubbiamente un percorso di crescita.

 

La Location

La location è bellissima ed è inserita nel complesso della chiesa della Pieve con un piccolo spazio esterno che si affaccia su Corso Italia. Ci sono circa una cinquantina di posti con una bella cucina a vista, soffitti alti e pareti affrescate. I tavoli sono ampi e con una tipologia che ricorda un tavolo da lavoro dando un’idea di rustico in un’ambientazione in sé piuttosto elegante.

 

Il Menu

Il menu è radicato nel territorio, ma con alcuni guizzi culinari interessanti. Abbiamo iniziato con gli antipasti assaggiando una bruschetta di primo sale del Podere Panzano con alici cantabriche, un primo a base di gnocchi di patate e rape rosse con pistacchi e taleggio e due  secondi: una tartare con sale di Maldon, un sale gourmet a scaglie e un fritto all’aretina. La bruschetta è un piatto gustoso, ma manca di sprint e sembra un sapore già sentito troppe volte.

PIEVE 5

Molto meglio gli gnocchi, fatti in casa, con il condimento di taleggio e pistacchi che si sposa bene con le rape che non addolciscono troppo, anzi esaltano il gusto.

PIEVE 4

Passando ai secondi la tartare è di qualità, ma il famoso sale di Maldon è molto aggressivo e forse mortifica un po’ il gusto della carne.

PIEVE 7

Un classico della tradizione locale è invece il fritto all’aretina con pollo, coniglio e pane fritto. Tutto piuttosto delicato e gradevole anche se forse un po’ indietro di sale, ma il fatto che la panatura non coli olio è un merito indiscutibile.

PIEVE 8

Per dolce una sbriciolona di pere, ricotta e cioccolata che non è stato il piatto migliore di una serata comunque piacevole.

PIEVE 9

Giudizio Finale

Il servizio è fatto da personale giovane e competente per una cena rapida visto che il locale era semivuoto. Conto sui 43€ a testa con una bottiglia di Cava, un rose’ spagnolo con molti punti in comune con il nostrano Franciacorta. La Pieve ha una location davvero affascinante e offre una cucina che cerca di rielaborare i piatti territoriali. Alcuni come gli gnocchi sono davvero ottimi, altri più ordinari, con i dolci tallone d’Achille di  una buona cucina. Forchette Amare si ritira soddisfatto riponendo le sue posate senza essere amareggiato!

 

 

Un pensiero su “Arezzo|| Ristorante La Pieve

  1. Pingback: Arezzo|| Ristorante La Pieve – Riccardo Franchini. Godete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...