Arezzo|| Saffron

Cucina asiatica, nipponica e non solo, con una spruzzata di italianità. Questa è l’idea fusion, termine modaiolo, del ristorante Saffron, un locale elegante che si trova in piazza Sant’Agostino ad Arezzo e che gode di una buona fama in città. E’ lui la vittima della nostra recensione in un tranquillo venerdì sera.

 

La Location

Saffron ha una parte interna e alcuni tavolo su una terrazza in legno che dà sulla piazza ed è proprio qui che Forchette Amare è stato fatto accomodare. In realtà all’interno ci sono pochissimi clienti, mentre la parte esterna, visto il clima rovente, è completa in ogni ordine di posti.

 

Il Menu

Il menu offre pesce, cucinato e non, in moltissime varianti e la scelta è stuzzicante. Abbiamo iniziato con un assortimento di pregiati cucinati di mare, assortimento di crudita’ più semplici e più articolate ed infine sushi in varie e colorate versioni. Tutto ordinato e pronti a partire, ma è una falsa partenza… qui infatti comincia una spasmodica attesa di ogni piatto e visto che molti non sono nemmeno cucinati, pare davvero ingiustificabile. Ma veniamo a quello che Saffron ha fatto assaggiare a Forchette Amare. Il cosiddetto assortimento di pregiati cucinati di mare e’ deludente. Tanto per cominciare vista la varietà proposta servirebbe una breve spiegazione che non c’è stata. Poi alcune cose hanno sapori pasticciati e coprono il pesce che passa da essere il protagonista del piatto a recitare il ruolo di comparsa.

saffron 7 small.jpg

Le crudite’ le abbiamo provate sia composte da scampi, gamberi, carpacci e tartare che solo con scampi e gamberi. Indubbiamente sono freschi e gustosi, ma le porzioni sono tutt’altro che pantagrueliche. Sul crudo non c’è nulla da discutere nè tantomeno sulla freschezza di scampi e gamberi rossi, ma le porzioni sono ai minimi termini. Cinque gamberi e tre scampi sono considerati una porzione media e vengono prezzati  36 euro. Matematicamente parlando 4 euro e mezzo l’uno… In compenso molto buona la tartare e anche il carpaccio, entrambi con un gusto molto delicato.

 

Passiamo ai tanti sushi provati. Dal tipo California Uramaki al Vietnam spring roll e dal salmone affumicato al Venus fatto con le mazzancolle. Sushi fatto da mani esperte e con prodotti di qualità che è stato gradito da tutti.

 

Per dessert molto buono il millefoglie scomposto presentato in un calice, meno brillanti gli altri dolci proposti.

 

Giudizio Finale

Conto di 77 euro a testa con un Franciacorta Rosè e due bottiglie di bianco che pesano 16 euro a persona. Decisamente troppo per un ristorante che offre una qualità indiscutibile, un menu ristretto, porzioni minime e servizio inesistente. Forchette Amare se ne va con un forte “amareggiamento”!

Un pensiero su “Arezzo|| Saffron

  1. Pingback: Arezzo|| Saffron – Riccardo Franchini. Godete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...