Geografia Gastronomica || La cucina libanese

Dopo qualche piccola variazione sul tema, spinta dalle festività natalizie, torna nel suo consueto appuntamento del venerdì la rubrica Geografia Gastronomica, che ormai da diverse settimane ci porta in giro per il mondo ad assaggiare cucine inconsuete. Forchette Amare vi porta oggi in Libano, un  piccolo paese del Medio-Oriente con tanta storia, anche in cucina. Questa cucina è forse una delle espressioni più tipiche della cucina araba, estremamente varia ed influenzata pesantemente dalla tradizione arabo-musulmana, ciò si nota soprattutto nella prevalenza dell’utilizzo della carne di agnellonell’uso abbondante della frutta secca, mandorle e pinoli soprattutto, e nei condimenti a base di succo di limone. Il cibo del Paese dei cedri è molto diffuso in Europa e in America Settentrionale e apprezzato per la sua varietà e per il buon nome che portano i suoi cuochi.

 

Il Libano

Il Libano ha una storia molto travagliata perchè questo piccolo Paese è stato dilaniato da quasi vent’anni di guerra civile. Fino alla metà degli anni 70 era un paradiso di convivenza dove musulmani sunniti, sciiti, drusi e cristiano maroniti convivevano in assoluta concordia. Secondo una ricostruzione etimologica tanto diffusa quanto non scientifica, il termine Lubnān sarebbe stato utilizzato a partire dall’VIII d.C. e deriverebbe dalla radice trilittera l-b-n, la stessa della parola laban (ossia “latte”), per via della somiglianza tra il Monte Libano, massiccio montuoso coperto di neve d’inverno e il colore del latte. Oggi la Repubblica del Libano cerca di barcamenarsi fra vicini ingombranti e pericolosi e la sua economia sta lentamente migliorando. La sua cucina è invece sicuramente un fiore all’occhiello di Beirut e Forchette Amare in un soggiorno ha avuto la possibilità di assaggiarne molte varianti e oggi dopo un’accurata selezione oggi vi presenta alcuni dei suoi piatti più famosi

Hummus bi-tahineh

Sicuramente il piatto più famoso della cucina libanese è l’Hummus che si presenta in diverse varianti. Si tratta di una salsa a base di pasta di  ceci e pasta di semi di  sesamo (tahineh) aromatizzata con olio di oliva, aglio, succo di  limone e paprika, semi di cumino (in arabo كمونkamun)  e prezzemolo finemente tritato. Le varianti più note sono quelle alla carota, alla barbabietola rossa e alla zucca e tutti vengono accompgnati dal pane azzimo.

hummus small

Kibbeh

Si tratta di polpette tradizionali a base di carne macinata bulghur ( frumento) e pinoli. Questa pietanza viene consumata prevalentemente in Libano e Siria e la loro particolarità,oltre alla bontà,è la forma allungata. Anche qui non mancano le varianti e viene consumata anche cruda, ma è soprattutto un gustoso antipasto.

kibbeh small

Tabbouleh

La Tabbouleh è un’insalata a base di bulghur, prezzemolo, cipollotti, menta, pomodori e cetrioli. In arabo significa “leggermente speziato” ed un piatto fresco e leggero che fa parte delle Meze, i famosi e ampi antipasti tipici della cucina libanese.

tabbouleh small

Baba Ganoush

Il Baba Ganoush è una gustosa crema di melanzane che normalmente accompagna i kibbeh oppure i falafel. Può essere servito anche solo da spalmare sul pane pita, ma non manca mai su una tavola libanese.

baba small

Falafel

I falafel  sono una pietanza  costituita da polpette di legumi speziate e fritte. Tra i legumi più utilizzati le fave, i ceci e i  fagioli tritati e conditi con cipolla, aglio   cumino e coriandolo I falafel sostituivano la carne nei giorni del digiuno dei copti egiziani. Il termine è formato da tre parole che in copto significavano letteralmente ‘con tanti fagioli’. I falafel sono molto  diffusi in tutto il medio Oriente (qui noti principalmente nella versione a base di fave col nome di طعمية, traslitt. ta’amiyya).

falafel small

Kabees

I Kabees sono i sottaceti libanesi, colorati e dal fortissimo sapore di aceto. Sono un contorno molto utilizzato che in una cucina speziata come quella di Beirut non disdicono.

kabees small

Mamool ei kak el-eed

Finiamo con qualcosa di dolce e vi presentiamo i Mamool ei kak el-eed i famosissimi biscottini tipici del Medio Oriente. Sono a base di miele e sono davvero dolcissimi, forse un pò troppo per il nostro palato occidentale.

biscotti small

Arak

Per digerire un pasto così articolato niente di meglio di una bevanda forte che possa aiutare la digestione! L’Arak ( dente di leone in arabo) è una bevanda alcolica di tipo acquavite, derivante dalla fermentazione di vari elementi come melassa, cereali e del vino di palma da dattero, ma soprattutto anice. Viene consumato insieme al caffè turco e i libanesi amano molto finire i loro pasti con un bicchierino di Arak.

arak small

Giudizio Finale

Questa settimana Geografia Gastronomica ci ha portato alla scoperta della cucina libanese, una cucina molto famosa e apprezzata e che Forchette Amare  ama particolarmente. Come al solito vi lasco un paio di indirizzi per farvi un’abbuffata di Meze! A Firenze https://www.facebook.com/Ristorante-Valle-Dei-Cedri-134681579912705/ e a Roma http://www.ristorantelibanese.roma.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...