Arezzo ||Fuorimenu

Situato fuori dal centro cittadino e inserito fra lo stadio di Arezzo, il circolo Tennis Giotto e altre strutture sportive, Forchette Amare fino a poco tempo fa ignorava l’esistenza del ristorante Fuorimenu. Così un pò per caso e un pò per curiosità in un ozioso martedì sera abbiamo deciso di assaggiare la cucina di questo locale che si trova all’interno di una struttura alberghiera e di un complesso sportivo. L’ingresso del Fuorimenu non è direttamente sulla strada ed è parzialmente coperto da una rete, cosa che non facilita l’immediato messaggio di benvenuto.

 

La Location

Appena entrati si apre un lungo corridoio piuttosto asettico, che fa da anticamera al ristorante vero e proprio. Fuorimenu è un locale spazioso, diviso in varie zone, una delle quali dedicata ai bambini. Alle nostre spalle si vede una grande piscina e i tavoli sono apparecchiati con semplicità e ben distanziati gli uni dagli altri.

 

 

Il Menu

Il menu del Fuorimenu si basa molto sulla tradizione locale, sia toscana che addirittura aretina. Dalla lista degli antipasti peschiamo un semplice tagliere di formaggi accompagnato da confetture, mentre fra i primi scegliamo ravioli burro e salvia, un risotto alle verdure, tagliatelle carciofi e salsicce e anche tagliatelle accompagnate da un ragù saporito, una ricetta segreta custodita gelosamente dallo chef. Un solo secondo per la nostra cena: un semplice roast-beef all’inglese. Il servizio è rapido e attento e dopo pochi minuti ecco arrivare i nostri piatti. Il tagliere di formaggi presenta tre tipi di formaggio, due piuttosto giovani e uno molto stagionato. Nell’insieme è sicuramente  gradevole, ma manca una logica nel piatto e forse servirebbe un percorso più definito. Buone le confetture di accompagnamento. Il risotto arriva con una porzione pantagruelica che affievolisce un po’ gli entusiasmi. Viene rimantecato nella provola che gli da brio, ma tende a restare troppo liquido. Un risotto alle verdure poi sembra un piatto troppo ordinario, anche se le verdure sono rigorosamente a Km 0.

fuori 5 small

Buone le tagliatelle fatte in casa con carciofi e salsiccia, perfetto il punto di cottura e la consistenza. Indietro di un paio di minuti invece quelle con lo “stuzzicante” ragù dello chef ( che sembrerebbe maiale, vitello, salsiccia e un bel pò di spinta piccante). Peccato perchè il ragù è molto buono, anche se la porzione anche qui pare eccessiva.

 

 

Promossi anche i ravioli al burro e salvia che non siamo sicuri siano fatti in casa, ma sembrerebbero troppo perfetti.

fuori 8 small

Il roast-beef, fatto all’inglese e cioè con soltanto un filo d’olio extravergine d’oliva, presenta un’ottima qualità della carne, lavorata il meno possibile, peccato sia un pò “scaraventata”sul piatto.

fuori 4 small

Prima di partire abbiamo ceduto anche ad un tris di dolci,. stavolta impiattato in maniera magistrale. Ottima la mousse di fragola con il biscotto al cioccolato sotto, buona la cheesecake ai frutti di bosco, deludente il tiramisù che si è molto addensato.

fuori 1 small

Giudizio Finale

Cena annaffiata da una birra leggera, simile ad una blanche, per un conto totale di 27 euro. Fuorimenu è un ristorante che offre piatti tradizionali indubbiamente eseguiti da mani esperte, ma che deve porre attenzione a quei particolari che fanno la differenza. Servizio attento e location molto pulita. Nessun particolare “amareggiamento” per Forchette Amare in questa serata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...