Rimini || Osteria de Borg

Approfittando di qualche giorno libero Forchette Amare si è spostato in Romagna per assaggiare ancora una volta la cucina locale. Questa terra vanta una lunga tradizione culinaria e oggi vi porteremo alla scoperta di piatti rigorosamente di terra, cosa un pò inconsueta nel pensare comune. La nostra scelta è caduta sull’ Osteria de Borg, un colorato locale situato all’interno del grazioso borgo di San Giuliano, una frazione di Rimini. Si arriva a questo ristorante attraversando stradine e vicoli e in una tiepida serata ci accomodiamo all’esterno.

 

La Location

L’Osteria de Borg è un ristorante che ha una grande parte esterna con tavoli e sedie colorate, posizionate sotto grandi ombrelloni. All’interno invece c’è un piano terra con bancone e forno per le pizze e un grande primo piano con molti tavoli, anche questo però arredato con brio e allegria. Come detto Forchette Amare viene fatto accomodare in questa bella piazzetta e uno dei giovani e solerti camerieri ci fa subito arrivare il menu.

 

Il Menu

Profondamente e orgogliosamente radicato in terra di Romagna il menu dell’Osteria de Borg offre una vasta scelta di prodotti locali. Forchette Amare decide di partire con un tagliere di mora romagnola de I Fondi, accompagnato da piadina fatta in casa. Fra i primi invece la scelta cade sugli strozzapreti con salsiccia di Mora romagnola, strigoli e pendolini e sulle tagliatelle con ragù tradizionale. Rapida occhiata anche ai secondi per scegliere polpette e zucchine ripiene in umido. Il servizio come detto è rapido ed ecco arrivare il mio tagliere di salumi di Mora. La Mora è il salume più tipico della Romagna ed è davvero ottimo. Si tratta di un prodotto molto delicato che quasi si scioglie in bocca. Nel tagliere non manca la varietà, compresa la mortadella rigorosamente senza pistacchi come vuole al tradizione. La piadina di accompagnamento corona il piatto!

borg 2 small

Anche gli strozzapreti sprizzano romagnolità da ogni poro e ben si sposano con i pendolini,  pomodorini piccoli e dolci, e gli strigoli una verdura molto usata nella cucina locale. Indubbiamente buone anche le tagliatelle, fatte in casa come gli strozzapreti, con il ragù tradizionale fatto con manzo e maiale e che come vuole la storia culinaria lascia il sole nel piatto alla fine.

 

Meno memorabili le polpette e zucchine in umido. Le polpette restano un pò asciutte all’interno e le zucchine tendono a sfaldarsi. Non un piatto da bocciare, ma con i primi era andata decisamente meglio.

borg 4 small

Giudizio Finale

Niente dolce per la nostra avventura all’Osteria de Borg per un conto di 30 euro a testa con una bottiglia di bollicine rosè. Prezzo onesto, servizio rapido e cucina da leccarsi i baffi per questa interessante osteria che merita almeno una visita. Forchette Amare se ne va a pancia piena e non esclude il ritorno…

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...