Chiusi || I Salotti del Patriarca

Forchette Amare fa visita ancora una volta ad un ristorante stellato e ancora una volta in Toscana. La nostra scelta è infatti caduta su I Salotti del Patriarca, un locale storico che si trova vicino all’uscita dell’autostrada di Chiusi-Chianciano. Dopo poche curva ecco apparire questo ristorante, dove non ti aspetteresti.

La Location

Qui la stella Michelin  è dovuta alla Chef Katia Maccari, che offre una cucina interessante ai suoi clienti. Il ristorante si trova all’interno della struttura Il Patriarca e vi si arriva percorrendo un sentiero adombrato da cipressi in classico stile toscano. L’ingresso è un po’ laterale rispetto ad una bella costruzione con tanto  di torretta che campeggia davanti ai nostri occhi. Una ragazza ci fa subito strada verso i pochi tavoli del ristorante I Salotti.

Il Menu

Il servizio è portato avanti da un maitre giovane e preparato e da un cameriere di lungo corso. Forchette Amare ha deciso di scegliere una degustazione suggerita dalla Chef Katia Maccari intitolata Emozioni, tranne che per gli antipasti che divergono fra i due percorsi. Così partiamo con alcune stuzzicanti entrée: la prima con una crema di melone con olive taggiasche, un secondo più articolato finger food composto da una spuma di prezzemolo, tartufo e formaggio e infine delle stringhe di zucchine con l’ottima robiola di Roccavairano. Gli antipasti invece si presentano con un cannolo di melanzane ripieno di ricotta, uovo in camicia e uva, e l’altro composto da animelle con spuma di mele, sedano e zafferano. Primo piatto unico invece con i fusilloni di PastaPanarese con porro, ricotta e battuta d’agnello. Anche il secondo è in comune con un controfiletto di chianina accompagnato da crema di carote. La prima entrée ha una dolcezza dovuta al melone troppo accentuata che le olive taggiasche non riescono a stemperare. Ottima la spuma di prezzemolo che si sposa alla perfezione com tartufo e formaggio. Molto gradevole anche la robiola di Roccavairano, uno dei migliori formaggi morbidi italiani.

salotti 8 small

Venendo agli antipasti le animelle sono croccanti e gustose, un alimento che molti chef stanno rivalutando. Ancora meglio l’uovo in camicia, cotto alla perfezione che sprigiona la sua liquidità. L’incontro-scontro con l’uva sgrassa il piatto dandogli grande equilibrio.

Il fusillone e’ di un pastificio di proprietà del ristorante e la qualità della pasta è indiscutibile. Il porro è delicato e incorona la battuta d’agnello per quello che forse è il miglior piatto della nostra serata.

salotti 1 small

Più ordinario il controfiletto, morbido e saporito, ma qui manca quel tocco che lo potrebbe far ricordare.

salotti 4 small

Ai Salotti il pre-dessert è una cosa seria e arriva un tiramisù con i cantuccini, davvero gustoso e che, onestamente, basterebbe per chiudere la serata.

salotti 3 small

Il dessert vero e proprio e’ una base di biscotto croccante con crema al pistacchio, gelato al lampone e una spolverata di cioccolato bianco.

salotti 2 small

Ancora qualche “tenerezza” finale per terminare in bellezza la nostra cena al ristorante I Salotti. Cena accompagnata da una buona selezione di vini che cambiano con la portata, dove alcune proposte sono davvero intriganti

Giudizio Finale

Conto di 90 euro a testa per una serata sicuramente positiva. I piatti della Chef Maccari sono indubbiamente molto validi, forti del chilometro zero dei suoi prodotti, mentre l’atmosfera è molto casual per uno stellato. I Salotti sono un buon ristorante, dove Forchette Amare si è sentito a proprio agio. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...