Istanbul || Hamdi

Forchette Amare in vacanza per qualche giorno a Istanbul non ha rinunciato ad andare in giro ad assaggiare la cucina di questa capitale millenaria. La vecchia Costantinopoli, ponte fra Europa ed Asia, offre una tradizione culinaria antica e articolata e nonostante la globalizzazione i turchi tengono molto alla propria cucina. La scelta è caduta su Hamdi, un noto ristorante che si trova nel quartiere di Eminonu, cuore del centro di Istanbul corrispondente alla zona dell’acropoli dell’antica Costantinopoli, proprio di fronte al ponte di Galata.

turk 6

La Location

Hamdi è un grande ristorante che si sviluppa su più piani e Forchette Amare viene fatto accomodare all’ultimo. La vista è mozzafiato: da un parte il ponte di Galata con il Corno d’Oro, dall’altra le moschee di Sultanahmet che imponenti e romantiche sembrano tendersi verso le vetrate. Il locale è ampio e i tavoli sono quasi tutti pieni, ma un solerte cameriere ci fa subito accomodare.

 

 

Il Menu

Il menu del ristorante Hamdi è profondamente radicato nella tradizione turca, una cucina che discende da quella ottomana, un incontro fra i Balcani, il Medio-Oriente, l’Asia Centrale e il Mediterraneo. Forchette Amare si cala in questa nuova avventura partendo con una selezione di antipasti locali, detti Meze. Poi scegliamo alcuni tipi di Kebab, altro caposaldo locale, dal Doner all’Oruk fino a quello accompagnato dalle melanzane. Ad Hamdi i camerieri sfrecciano fra i tavoli e dopo poco ecco arrivare la nostra ordinazione. Il vassoio che ci arriva in tavola è un bellissimo specchio di quello che la cucina turca può offrire. Spiccano l’hummus, la famosa crema di ceci, le gotze, polpettine piccanti e un delizioso Bulgur, “grano spezzato”, cotto al vapore e poi macinato. Una bella partenza che permette subito a Forchette Amare ed ai suoi ospiti di calarsi nella nuova realtà.

turk 5

I kebab arrivano tutti insieme, colorando il nostro tavolo di queste meraviglie gastronomiche. Quello con le melanzane e un po’ inconsueto e resta in mente per il grande equilibrio.

turk 9Il kebab Oruk è sicuramente più classico dove non prevale ne’ l’agnello ne’ il vitello. Forte e saporito grazie all’uso dei tre diversi pepi, l’Oruk rende onore alla lunga tradizione di kebab del ristorante Hamdi.

turk 4

Meno sorprendente, ma comunque ben eseguito il Doner Kebab che anche visivamente riempie meno l’occhio degli altri due.

turk 2

Per finire non poteva mancare la più classica Baklava accompagnata da un bicchiere di te alla mela che chiude “dolcemente” la nostra serata.

turk 1

Giudizio Finale

Cena bagnata da un buon rosso Egeo di uve turche per un conto di 35 euro a sera. Hamdi si rivela un buon ristorante che rispetta la traduzione turca in una bella location, il locale giusto per la prima sera a Istanbul di Forchette Amare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...