Camaldoli || Locanda dei Baroni

Impegnato in un intenso trekking nel Parco delle Foreste Casentinesi a cavallo fra Toscana e Romagna Forchette Amare si è concesso un pranzo ristoratore nella splendida cornice millenaria di Camaldoli, un paesino nell’alto Casentino che affonda le sue radici nella cristianità. La scelta è caduta sulla Locanda dei Baroni, un locale che salta subito all’occhio.

La Location

Questo ristorante si trova proprio lungo la strada, che poi potremmo definire come il corso principale di Camaldoli. La Locanda dei Baroni è suddivisa fra una parte interna e una esterna. Vista la bella giornata, anche se non calda vista l’altitudine, Forchette Amare viene fatto accomodare fuori e qui inizia la sua avventura.

baroni 5

Il Menu

Il menu è riportato su una tovaglietta e ha i piedi ben piantati nella cucina casentinese, legandosi a prodotti del territorio. La scelta cade su una selezione di salumi del Casentino e una di formaggi accompagnati da una composta di cipolle e miele. Fra i primi non può mancare un piatto di tortelli di patate del Casentino ai funghi porcini, poi scegliamo strozzapreti alla gricia di Camaldoli. Per secondo un tuffo nella cacciagione con un cinghiale in umido accompagnato da polenta fritta. Il servizio è portato avanti da un gruppo di camerieri giovani e solerti che in poco tempo riescono a servirci. I salumi sono accompagnati da un’invitante focaccia calda e sono una scelta molto azzeccata. Saporiti e gustosi questi salumi autoctoni non tradiscono le attese. Ottimi anche i formaggi con un percorso di  crescita di sapori e intensità  che rende questo piatto davvero gradevole.

Passando ai primi piatti i tortelli di patate del Casentino non deludono le aspettative. Per i puristi andrebbero mangiati al burro, ma Forchette Amare cede ai funghi porcini e la sua scelta si rivela azzeccata.

baroni 7

Meno indovinata la scelta della gricia di Camaldoli. Gli strozzapreti sono cotti correttamente, ma il sapore non è deciso. Manca spinta e sapidità, forse un pò di anima al condimento.

baroni 8

Sicuramente meglio la polenta fritta con il cinghiale, un piatto che riporta subito ai boschi che circondano Camaldoli. Il cinghiale non è stato “ingentilito” troppo, un errore comune, lasciandogli quel sapore di selvatico che Forchette Amare ama sentire in bocca quando mangia la selvaggina.

baroni 2

Giudizio Finale

Cena bagnata da due calici di rosso locale per un conto di 30 euro a testa. La Locanda dei Baroni è un buon ristorante che rispetta la tradizione locale e che offre una scelta varia e interessante. Servizio giovane e rapido e conto onesto per Forchette Amare che potrebbe tornare per godersi il fresco di Camaldoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...