Ponza ||Ristorante Acquapazza

In vacanza nello splendido arcipelago delle isole Pontine Forchette Amare non poteva resistere a fare una visita all’unico ristorante stellato dell’isola di Ponza. Naturalmente sono stati tanti i ristoranti visitati e non mancherà una bella panoramica eno-gastronomica dell’isola nei prossimi giorni. Ma oggi siamo qui per raccontarvi la nostra esperienza al ristorante Acquapazza.

La Location

Questo locale si trova proprio sopra il porto del paese di Ponza e gode di una bellissima vista. Il ristorante Acquapazza si snoda su tre livelli con delle belle terrazze che permettono agli astanti di cenare godendosi la vista.

Il Menu

Forchette Amare ha una lunga esperienza di ristoranti stellati e quindi anche stasera si aspetta un trattamento adeguato. All’ingresso non ci accoglie nessuno e dobbiamo andare noi a cercare il cameriere, un inizio quantomeno bizzarro. Fatti accomodare decidiamo di scegliere una degustazione, l’unica presente, che ci permetta di avere una panoramica dei piatti del ristorante. Da notare una certa rigidità nel non permettere nessun cambio nella scelta del menu, molti ristoranti stellati invece concedono questa possibilità. Il servizio è fatto da ragazzi giovani, lodevole, ma in un ristorante stellato serve molta esperienza….Iniziamo con un classico amousebouche dalla cucina composta da un arancino accompagnata da una maionese allo zenzero e scamorza affumicata. Partenza gradevole e interessante senza ombra di dubbio.

Il menu degustazione si articola in sole quattro portate e il dessert. Gli antipasti sono rappresentati da un carpaccio di ricciola, rapa rossa, capperi disidratati e yogurt. Il piatto è esteticamente davvero molto bello con una spuma di mare delicata e sapida allo stesso tempo. I sapori sono un pò blandi e lo chef avrebbe dovuto spingere di più, ma nell’insieme è un inizio positivo.

La seconda entrèe è costituita da un ensemble di seppia alla brace, misticanza e menta. Presentato sicuramente peggio, la mente accompagna bene la seppia, ma manca proprio quel gusto brace che aveva incuriosito Forchette Amare. La misticanza sembra una triste insalatina di accompagnamento.

Passando ai primi piatti finalmente il ristorante Acquapazza riesce a dare un guizzo decisivo. I tortelli di dentice con salsa di pomodoro crudo sono davvero una piacevole scoperta. Cotti alla perfezione, il pomodoro crudo da un bellissimo contrasto con il pesce che resta nella memoria.

Passando al secondo lo chef scegli un pesce spada marinato alla soia, cotto al forno con carote e semi di papavero. Gusto forte e deciso per un bel piatto che soddisfa il palato di Forchette Amare.

Per dessert il menu recita Tiramisù, ma in realtà arriva una sfera ripiena di mascarpone accompagnato da un gelato al caffè. Una bella sorpresa ed un modo innovativo di reinterpretare il fine pasto più famoso d’Italia.

Giudizio Finale

Cena annaffiata da un buon chardonnay siciliano per un conto finale di 110 € a testa. La cucina del ristorante Acquapazza vive di alti e bassi, ma alcuni piatti sono sicuramente tecnici e ben eseguiti: La cosa che amareggia di più Forchette Amare è il servizio assolutamente inadatto ad un ristorante stellato. Poca, anzi pochissima attenzione al cliente, basta citare che non esiste un pre-dessert e che per avere il conto lo abbiamo chiesto ben tre volte…Onestamente siamo stati abituati in altro modo!